Sulla scia della crisi: internet, social, e strategie » CubeTech

Sulla scia della crisi: internet, social, e strategie


Spazio illimitato, miliardi di opportunità: “È nella crisi che sorge l’inventiva”

Uno dei grandi vantaggi portati da internet o meglio dal www ( world wide web ), è stata la capacità di creare un mondo virtuale in cui potenzialmente non vi sono limiti di spazio e di tempo. Miliardi di informazioni a portata di click, miliardi di persone interconnesse tra di loro, con la possibilità di interagire con ognuna di esse come, dove e quando ci pare. Le potenzialità derivanti da tutto questo sono esponenziali eppure nonostante tutti noi abbiamo a che fare giornalmente con il web, ci ritroviamo a non capire come essa possa e debba essere usata a nostro vantaggio soprattutto quando ad essere coinvolte sono le imprese.

internet e la crisi delle imprese
Grafico della crisi economica

Anche senza entrare in uno specifico settore è possibile riconoscere facilmente gli errori che vengono commessi dalle imprese che operano nel web. La cosa che viene messa in evidenza dopo un primo incontro, è quella di attribuire la crisi o il mancato successo agli altri e mai a se stessi. L’idea infatti è che, essendo operanti e presenti in un settore da diversi anni, automaticamente la colpa non può essere loro perché hanno sempre attuato la strategia che in passato li ha portati a crescere ignorando completamente che il mondo cambia molto rapidamente, soprattutto nel web dove gli utenti sono sempre più attenti ed informati.

Altro fattore molto importante risiede nella non valutazione del settore di interesse, degli utenti, e dei mezzi a loro disposizione (social media). E’ facile che qualcuno risponda con: abbiamo twitter, facebook, linkedin, blog, istagram, ecc ecc.. Andando però ad analizzare tutti questi elementi potremmo in seguito capire come l’errore comune sia quello di non capire effettivamente l’utilità di ogni mezzo a disposizione. Non viene percepito il concetto che tutti questi elementi sono la vetrina della nostra attività sul web e che utilizzarli male porta esattamente ad un effetto contrario rispetto all’obiettivo che ci siamo prefissati di raggiungere.

Facebook, ad esempio, è un mezzo attraverso il quale avere una grande visibilità. In pochi però hanno ben chiaro come un utente medio  sia bombardato di notizie che scorrono sulla propria pagina. Questo ha un grosso impatto sulla qualità e sull’attenzione che l’utente dedica alla notizia pubblicata. In particolare la notizia avrà una durata molto breve nel tempo e se ciò che proponiamo non saprà attirare bene l’attenzione, avremo semplicemente perso tempo. Gli stessi like, non sono sempre un buon indice per capire se ciò che proponiamo piace in quanto gli utenti, sono abituati a cliccare mi piace senza dare troppa importanza al contenuto stesso.

Purtroppo se da un lato le informazioni ed i mezzi su internet ci permettono di avere una grande visibilità dall’altro è vero che troppe informazioni scritte ed elaborate male fanno perdere l’obiettivo e l’interesse degli utenti verso la propria attività.

Canali social media
Tutti i canali dei social media Foto originale: www.radiotweetitalia.com

Quando si ha tutto e non si ha niente. La brutta abitudine della quantità e non della qualità

Siamo troppo abituati ad essere inondati di informazioni sempre più veloci e invadenti che abbiamo perso la concezione di basarci su elementi di qualità piuttosto che di quantità. Inoltre, una concezione comune e di cui in pochi si rendono conto, è quella di vedere le loro campagne marketing portare nell’immediato visibilità e clienti e dall’altro, di perderli subito dopo perché ciò su cui ci si è concentrati è stato proprio l’elemento di attrarre clienti al primo impatto e non di acquisire clienti nel lungo periodo.

Una differenza tanto sottile quanto fondamentale. Purtroppo in Italia, più che in tante altre realtà, questo concetto ha un aspetto molto radicato nei pensieri degli imprenditori. Volere tutto e subito come se fosse qualcosa di dovuto e non di guadagnato. Eppure basta pensare come tutti i giorni abbiamo esempi di marketing da parte di grosse multinazionali che giornalmente fanno girare le loro pubblicità. Vi siete mai chiesti perché spendono così tanto nella loro immagine? Vi siete mai accorti che il più delle volte l’oggetto specifico di vendita del loro prodotto è messo in secondo piano e viene inglobato in qualcosa di diverso?? Pensate alla coca cola. Quello che fa la coca cola e concentrare l’attenzione sull’amicizia, sula famiglia riunita a tavola a natale, sul momento di condivisione dei nostri momenti più importanti con gli altri. E così tante altre aziende. Non puntano sulla quantità ma sulla qualità di ciò che stanno vendendo. E’ facile ricordarsi di tante pubblicità attraverso piccoli elementi piuttosto che dell’oggetto stesso che pubblicizzano.

La crisi di certo non facilità le cose ma bisogna anche imparare da essa. Come disse una delle più grandi menti del 900

Non pretendiamo che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi può essere una grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.
Citazioni di grandi autori e personaggi del passato e del presente.
È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e disagi, inibisce il proprio talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi e l’incompetenza. Albert Einstein

o ancora

Martin Luther King frase sulla crisi dell'uomo
Frase di Martin Luther King sulla crisi dell’uomo Immagine originale: http://www.mauriziogarutti.org/pantarei/

Metti un like sulla nostra pagina facebook, ma soprattutto commenta i nostri articoli per dirci la tua , per ricevere suggerimenti o per proporre un argomento di cui parlare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*