Immagini gratis online: le licenze Creative Commons » CubeTech

Immagini gratis online: le licenze Creative Commons


Immagini gratis? Facciamo chiarezza

Se lavorate nel web e nella comunicazione digitale sicuramente vi siete trovati della situazione di dover fare ricorso a del materiale, che può essere una foto o un’immagine, magari per realizzare una campagna pubblicitaria, per comunicare visivamente con il vostro sito web, oppure per fare storytelling o per rendere accattivante l’articolo del vostro blog. Insomma, qualsiasi tipo di attività che si muove in rete ha sicuramente bisogno di un elemento visivo che attiri l’attenzione.

Se una attività, piccola, media o grande che sia che sia, ha le risorse per potersi permettere una grafico a sua completa disposizione, in grado di sfornare sempre immagini nuove e ben curate, oppure un fotografo che esaudisce sempre le sue richieste con foto qualitative, ma soprattutto “originali”, il problema non dovrebbe sussistere, ma il più delle volte bisogna essere in grado di sopperire a delle carenze di questo tipo.

Ovvio, sarebbe bello poter puntare sempre sull’originalità delle immagini che intendiamo usare. Possiamo cavarcela da soli provando a fare un corso di fotografia, magari dopo aver optato con cura e ascoltato consigli sulla giusta scelta delle fotocamere digitali.

Ma per risparmiare tempo e risorse ci vediamo costretti e ricorre a delle scorciatoie, e quindi alla ricerca nel web di immagini gratis online che possano fare al caso nostro.

Ecco che ci imbattiamo in un ostacolo, e ci chiediamo fino a che  punto si possono scaricare e utilizzare contenuti digitali in maniera legale. Come si fa a capire se davvero possiamo utilizzare un’immagine che troviamo in rete e che tipo di tutele o sanzioni ci sono intorno a quell’immagine?

Abbiamo già affrontato la questione in un articolo precedente parlando di un aspetto molto importante sui i contenuti online, come proprietà intellettuale, privacy e licenze, dirigendo il focus sui social network e in particolare sulla condivisione delle immagini su Facebook.  Vediamo ora un aspetto più ampio che si allarga a siti, blog e qualsiasi altra piattaforma richieda la condivisione di contenuti digitali a scopi di marketing e che portano alla fine molti di noi alla ricerca smodata di immagini gratis online.

Un ostacolo il Diritto d’autore?

Partiamo dal presupposto che La legge italiana prevede che ogni opera frutto dell’ingegno è protetta dal Diritto d’autore, che consente alle persone di dire chi può utilizzare le loro creazioni. Se l’autore non da un esplicito consenso all’utilizzo, la sua foto, ad esempio, non si può utilizzare.

Questo vuol dire che ogni volta bisogna ottenere il permesso dall’autore di utilizzare o condividere la sua opera.

Esistono diverse società che mettono a disposizione una gran quantità di immagini, a patto che si paghino i diritti. Per cui la diffusione di immagini online diventa uno scopo di marketing per quelle stesse società.

Detto questo è anche vero che la percezione della proprietà intellettuale soprattutto parlando di web, sta sensibilmente cambiando. Bisogna far fronte al fatto che nel mondo di internet c’è una vera e propria esplosione di attività digitali. Urge quindi un bisogno quasi impellente di opportunità che consentano la libera distribuzione di materiale online, senza essere permeati dalla brutta sensazione di incappare in qualche penalità di copyright.

Ma cosa succede se l’autore vuole che si possano utilizzare le sue creazioni, magari togliendogli il peso di dover dare esplicito consenso ogni volta che glielo si chiede?

Licenze Creative Commons

Proprio sul bisogno di snellire questo tipo di pratica nascono le Licenze Creative Commons (CC). Nuove normative con le quali un creatore può decidere di non avere tutti i diritti riservati, ma solo alcuni, e che gli venga riconosciuta la paternità allo stesso tempo.

Ogni licenza può essere pensata come ad un tipo di regolamento a cui gli viene attribuito un simbolo speciale. Ogni simbolo quindi, esattamente come un segnale stradale, permette di comprendere la regola di attribuzione.

Le licenze Creative Commons  sono di 7 tipi. Di seguito riportate:

CC0: Contenuti di pubblico dominio, e quindi liberamente utilizzabili.

CC BY: Di pubblico dominio purché si attribuisca credito all’autore.

CC BY-SA: L’opera può essere anche modificata purché si attribuisca credito all’autore assieme alle modifiche stesse.

CC BY-ND: Di pubblico dominio purché si attribuisca credito all’autore, ma non si possono apportare modifiche.

CC BY-NC: L’opera può essere anche modificata purché si attribuisca credito all’autore assieme alle modifiche stesse, ma non la si può vendere, né originale, né modificata.

CC BY-NC-SA: L’opera può essere anche modificata purché si attribuisca credito all’autore assieme alle modifiche stesse, ma non la si può vendere, né originale, né modificata. L’opera modificata deve essere condivisa con la licenza stessa.

CC BY-NC-ND: Di pubblico dominio purché si attribuisca credito all’autore, ma non si possono apportare modifiche né si può vendere.

I tipi di licenze e le ufficiali definizioni le si possono trovare visitando il sito www.creativecommons.it per avere tutti gli approfondimenti sul tema.

Ok. Fin qui abbiamo appreso in che modo si possono utilizzare immagini gratis online con le licenze CC ed essere in regola con il copyright. Ma come si fanno a trovare contenuti con tali licenze? Su questo c’è l’imbarazzo della scelta. Possiamo rivolgerci al motore di ricerca interno del sito Creative Commons,  oppure si può usare la ricerca avanzata di Google immagini, impostando il tipo di ricerca nella voce “diritti di utilizzo”.

Esistono inoltre una serie di siti con un archivio di immagini filtrate che contengono le CC. Eccovi alcuni:

  1. Flickr
  2. Jamendo
  3. Digitalnz
  4. Pexels
  5. Open Clip Art Library
  6. Wikimedia Commons

In realtà sono tantissimi e tutti diversi a seconda di chi li gestisce. Possono essere creati da una community di persone appassionate, oppure da un singolo autore che vuol far conoscere i propri lavori.

L’importante è sempre avere l’accortezza di controllare la licenza di ogni singola immagine prima di usarla.

Abbiamo tutte le nozioni utili per poter condividere liberamente qualsiasi contenuto digitale possa esserci utile, sicuri di rispettare il copyright e dormire così sonni tranquilli. Resta solo a noi la libera scelta di rappresentare ogni tipo di azione che gestiamo online con l’immagine che più ci piace.

Metti un like sulla nostra pagina facebook, ma soprattutto commenta i nostri articoli per dirci la tua , per ricevere suggerimenti o per proporre un argomento di cui parlare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*